Il Giro d’Italia dopo tanti tentennamenti ha finalmente una data di partenza, ovvero il 3 ottobre, e si correrà fino al 25 ottobre. Uno scenario nuovo e insolito, quello autunnale, che vedrà gli atleti cambiare temperatura in gara e troveranno sicuramente diverse condizioni atmosferiche. Ancora non è stato confermato il Giro in tutte le tappe previste, ma neanche la partenza dal momento che era prevista a Budapest, tuttavia la direzione di RCS sport non pare proprio soddisfatta del nuovo calendario UCI World Tour.

Lo stesso Mauro Vegni ha espresso dubbi e perplessità a riguardo: “La pubblicazione del calendario da parte dell’UCI è un importante passo in avanti che certamente aiuterà tutte le realtà coinvolte a riprogrammare la stagione. È il frutto di un lungo lavoro che, come mai prima, ha visto il coinvolgimento di istituzioni, organizzazioni, squadre e di chi a diverso titolo ha dato il proprio contributo a questa non semplice scelta. Per salvaguardare l’importante patrimonio delle corse ciclistiche e mantenerle vive si è dovuto fare qualche sacrificio anche considerando il breve arco temporale all’interno del quale si potevano inserire tutte le corse della stagione”. 

Ancora il Presidente di RCS Sport: “Abbiamo fatto una serie di proposte alternative che a nostro giudizio avrebbero limitato alcune sovrapposizioni di calendario. Queste proposte non sono state recepite. Riteniamo comunque questo risultato importante per la ripartenza, soprattutto in questo momento, vista la drammatica situazione sanitaria che sta colpendo tutti i settori della nostra vita”

Giro d’Italia 2020, ancora incertezza sulla Grande Partenza

Sulla partenza del Giro d’Italia 2020 regna ancora l’incertezza: “Stiamo studiando due ipotesi per la nuova partenza del Giro d’Italia, ambedue al Sud. E non è detto che siano in Sicilia. In questo momento è complicato parlare con le Regioni, pensiamo di definire le prime tappe entro un paio di settimane. Per noi comunque contava essenzialmente avere un calendario per ricominciare a mettere in piedi gli eventi”.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂
Loading...