Dopo la pausa la carovana del Giro d’Italia riparte con, sulla carta, una tappa tranquilla ed estremamente pianeggiante. Un arrivo nel centro di Modena adatto ai velocisti e come da copione un tentativo di fuga da lontano.

La distanza non eccessiva della tappa di oggi di 145 km era un invito a provarci e così hanno fatto Hatsuyama e Covili. Il giapponese della Fantini e l’uomo di casa Covili ci hanno provato ma sono stati raggiunti dal gruppo, deciso a lanciare i treni dei velocisti.

Ha vinto Demare, dando l’ennesima delusione del Giro d’Italia a Elia Viviani che, più di altre volte, è andato vicino al successo di tappa. L’episodio clou della tappa purtroppo è stata una brutta caduta a circa 100 metri dal traguardo e, dalle immagini in diretta, sembrava potesse avere conseguenze ben peggiori per i coinvolti.

Sulla strada è rimasto Pascal Ackermann, maglia ciclamino del Giro, che probabilmente è stato anche causa involontaria della caduta. Dopo i primi momenti di apprensione, è riuscito a risalire in sella e tagliare il traguardo per poi essere soccorso. Escoriazioni e tanta paura ma nessuna frattura da impedire al velocista di continuare il Giro, Conti si conferma maglia rosa senza rischiare nulla.

Tutto in un chilometro! L'arrivo della tappa 10 del #Giro 102.

Pubblicato da Giro d'Italia su Martedì 21 maggio 2019
Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂
Loading...