Roberto Silva è morto

Roberto Silva, 53 anni, è deceduto stamani dopo due giorni di lotta nel reperto di rianimazione dell’ospedale Cisanello di Pisa. Molto conosciuto tra gli industriali, milanese di origine, manager e proprietario insieme al fratello Ambrogio di marchi come Chanteclair e Spuma di Sciampagna.

Grandissimo appassionato di ciclismo, era ormai un volto noto tra gli appassionati di Granfondo lungo lo stivale. Domenica 12 maggio è stato travolto da un’auto mentre partecipava alla ventitreesima edizione della Granfondo della Versilia.

Proprio mentre da Lido di Camaiore il gruppo stava andando in direzione Massa, una Twingo, guidata da una ragazza di vent’anni, sbucando da una via laterale ha travolto i partecipanti.

L’impatto è stato violento, Silva ha riportato traumi al torace, agli arti e alla testa, le sue condizioni sono parse subito disperate. L’incidente è avvenuto dopo la galleria nel comune di Stazzema, mentre i ciclisti stavano affrontando la discesa del Cipollaio, quindi a velocità sostenuta. Roberto Silva è stato subito soccorso ed elitrasportato nell’ospedale più vicino. La procura ha aperto un’inchiesta per accertare che cartelli e deviazioni fossero stati apposti in maniera corretta.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂
Loading...