In ottemperanza al decreto legge atto a limitare la diffusione del Coronavirus, in Toscana sono state prese misure drastiche sul territorio per mano di un sindaco. Si tratta del comune di Barberino Tavernelle dove il sindaco impugnando il decreto legge promosso dal Governo ha chiuso i mercati rionali, anche quelli caratterizzati dalla vendita di generi alimentari e chiuso le ciclopiste.

Ciò che conta in maniera prioritaria e immediata è porre uno stop deciso al contagio – afferma il sindaco David Baroncelli – la nostra è una misura che integra i provvedimenti ministeriali e prevede la sospensione totale, non ammettendo dunque neppure la forma ridotta e limitata, di tutti i mercati programmati nelle piazze del territorio comunale”. L’emergenza coronavirus sta portando a nuovi provvedimenti di limitazione anche alla circolazione dei ciclisti. 

Come già accennato su questo sito la procura di Massa ha anche emanato una prescrizione precisa alla polizia giudiziaria di provvedere al sequestro della bicicletta se lo spostamento non dovesse risultare necessario alla persona.

“Esistono altri strumenti in grado di far mantenere una buona efficienza fisica – si legge in una nota – e conservare lo stato di forma in questo particolare momento caratterizzato comunque dalla sospensione delle competizioni sportive”. Il sindaco David Baroncelli ha voluto intervenire in maniera drastica anche sui percorsi ciclabili Barberino-Tavarnelle e Barberino-San Filippo. 

“Non è una preghiera – ha spiegato il sindaco David Baroncelli – ma una disposizione perentoria che si aggiunge all’ordinanza sulla chiusura dei parchi e dei giardini pubblici. Se vogliamo uscire dal tunnel del coronavirus dobbiamo insieme rispettare le regole usando buon senso e se il buon senso ci manca interviene il divieto d’accesso che ho firmato oggi per interdire a tutti i cittadini la possibilità di frequentare i percorsi pedociclabili fino alle ore 24 del 3 aprile”.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂
Loading...