L’Italia sta lottando contro la diffusione dell’epidemia di Coronavirus ormai da molte settimane, il distanziamento sociale sembra dare i primi frutti con una stabilizzazione del numero di nuovi contagi. Le strutture ospedaliere ormai sono allo stremo ma dai tecnici giunge la speranza che il picco dei contagi, tanto atteso, sia ormai arrivato. A breve si spera di poter entrare in quella che il Presidente del Consiglio Conte ha definito fase 2, ovvero la convivenza con il virus.

Nei Pesi orientali duramente colpiti dall’epidemia, come ad esempio la Corea del Sud e la stessa Cina, sono state molto utili le applicazioni da smartphone per la raccolta di dati sulla salute delle persone. Per accedere agli uffici, ai mezzi pubblici, nei locali si doveva essere verificati: se contagiati veniva negato l’accesso per impedire nuove infezioni.

Garmin è stata coinvolto nel grande progetto Innovaperlitalia, finanziato da tre Ministeri italiani e coordinato da Healthia. Lo scopo del progetto sarà monitorare tramite smartwatch la salute delle persone. Proprio attraverso la strumentazione anche prodotta da Garmin si potranno monitorare decine di migliaia di persone, intervenendo in maniera rapida e capillare sulla diffusione dei contagi.

“Siamo estremamente orgogliosi che la nostra sede italiana sia stata coinvolta in questo progetto pilota – commenta Stefano Viganò, Amministratore Delegato di Garmin Italia – molti dei nostri smartwatch sembrano normali orologi da polso, ma in realtà sono un concentrato di tecnologia tanto da consentire, pur non essendo strumenti medicali, di analizzare numerosi parametri utili alla valutazione della condizione fisica del soggetto”.

“Gli smartwacth delle collezioni fenix, Forerunner, MARQ, vivosmart, vivomove, venu, QUATIX 6, Approach S62 e serie D2 Delta – continua Viganò – hanno al proprio interno un pulsossimetro che consente di valutare la saturazione di ossigeno nel sangue e la respirazione del soggetto, uno degli elementi che consente una prima analisi delle condizioni fisiche di un potenziale paziente di coronavirus”.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂
Loading...