Gran Piemonte percorso

È stata presentata ieri 19 settembre nella Sala Stampa della Regione Piemonte in Piazza Castello a Torino la 103esima edizione del Gran Piemonte. La classica piemontese organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport in collaborazione con la Regione Piemonte vedrà un arrivo altamente spettacolare e da Giro d’Italia.

Si concluderà infatti al Santuario di Oropa, salita che vide una delle imprese leggendarie del Pirata che dopo un salto di catena risalì 49 corridori al Giro 1999 e andò a vincere . Anche Domoulin fu protagonista di una vittoria e maglia rosa nel Giro 2017.

La rimonta di Pantani a Oropa

🅢🅣🅞🅡🅘🅐 🅓🅔🅛 🅖🅘🅡🅞20 anni fa la grande impresa di Pantani a Oropa. Il Pirata viene bloccato da un problema alla catena all'inizio della salita ed è costretto a una rimonta furiosa per riprendere tutti i suoi avversari: rientrerà su Jalabert a 3 km dall'arrivo e vincerà la tappa in solitaria.

Pubblicato da Tutto MTB e Ciclismo su Sabato 6 luglio 2019

La Gran Piemonte è in programma per il 10 ottobre con un percorso adatto agli scalatori e partenza da Agliè. La salita conclusiva al Santuario misura 11.8 chilometri con una pendenza media del 6.2%, ma attenzione anche al passaggio sull’ascesa di Nelva a 25 chilometri dall’arrivo che potrebbe stimolare la fantasia di qualche attaccante.

Saranno 19 le formazioni alla partenza (ognuna di 7 corridori), con un WorldTeam in più rispetto a quelle annunciate: il Team Ineos del vincitore del Tour de France, Egan Bernal, ha chiesto di partecipare alla gara con il colombiano. La corsa si snoda tra il Canavese e il Biellese. E a Biella inizia la salita finale di Oropa sul percorso “classico” già affrontato in diverse occasioni dal Giro d’Italia. L’ascesa misura 11 km per arrivare davanti al Santuario di Oropa: punte del 13%.

Gran Piemonte, le dichiarazioni

“È un onore per la nostra Regione ospitare una competizione sportiva di questo livello, a maggior ragione nel centenario della nascita di Fausto Coppi – affermano il Presidente Alberto Cirio e l’assessore allo Sport della Regione Piemonte, Fabrizio Ricca —. Occasioni come questa permettono al nostro territorio di farsi conoscere in tutta la sua bellezza e dimostrano che il Piemonte è terra di opportunità per chiunque voglia organizzare eventi in cui l’agonismo ai suoi massimi livelli è di casa. Il ciclismo è molto legato alla nostra Regione”.

Paolo Bellino, amministratore delegato e direttore generale di RCS Sport: “Il rapporto con la Regione Piemonte è ormai consolidato da anni e siamo fiduciosi che continuerà a svilupparsi nel migliore dei modi. Il Gran Piemonte è la prima manifestazione internazionale che affrontiamo con la nuova Giunta e siamo certi che ci troveremo in sintonia per organizzare altri grandi eventi sul territorio. La corsa verrà proposta in diretta sulle reti Rai e sarà fruibile anche nei 5 continenti grazie alla distribuzione internazionale delle immagini”.

Mauro Vegni, direttore ciclismo di Rcs Sport: “Quest’anno, in accordo con la Regione Piemonte, abbiamo deciso di arrivare al Santuario di Oropa che già ha ospitato sei arrivi di tappa del Giro. La scelta di proporre l’arrivo in salita, a differenza degli ultimi anni, è stata vincente. Ci sarà anche Bernal, e siamo certi che sarà una corsa molto bella e combattuta in un territorio ricco di cultura, storia e grande sport”.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂
Loading...