Ancora più sicurezza per i ciclisti spagnoli sulle strade, anche ad alta percorrenza. Proprio il sorpasso dei ciclisti è risultato negli anni la maggiore causa di morte o incidente grave per questo gruppo di fruitori della strada sempre troppo vulnerabile. In Spagna se ne sono accorti e il governo ha preso provvedimenti che mirano a diminuire l’incidenza degli incidenti ai danni dei ciclisti.

Un pacchetto di riforme promosse dal Consiglio dei ministri che, come si apprenda dal sito specializzato spagnolo 20minutos, dovrebbe portare a ridurre almeno del 50% gli incidenti a carico di ciclisti durante la fase di sorpasso.

Come in Italia anche nella penisola iberica i sorpassi potevano essere eseguiti alla massima velocità consentita, in quel dato tratto di strada, dal codice. D’ora in poi sarà consentito il sorpasso a 20 km/h in meno rispetto al limite di velocità, ad esempio se proprio il limite è di 70 all’ora, sarà possibile superare un ciclista al massimo ai 50 km/h. Ma non solo, se prima era obbligatorio tenere la distanza tra automobile e ciclista di 1 metro e 50 cm, con la nuova normativa si dovrà superare a non meno di 2 metri.

Se si verrà colti dalle forze dell’ordine nel non rispettare queste norme sarà staccata una multa di 200 euro e la perdita automatica di 3 punti per la patente.

Loading...