Tour de France

‘Il Tour de France è un monumento dello sport. È troppo presto per decidere. C’è un tempo per tutto. In questo momento, abbiamo una battaglia più urgente da combattere. Dedichiamo tutta la nostra forza a questa montagna prima di considerare la prossima’. È quanto ha dichiarato ieri, 25 marzo, su Twitter dal ministro dello Sport francese, Roxana Maracineanu.

La ministra Maracineanu: ‘Precedenza alla battaglia con il Coronavirus’

La competizione era in programma dal 27 giugno, con partenza da Nizza, al 19 luglio, con il solito arrivo sugli Champs Elysees. Tuttavia, visto il prolungarsi della situazione di lockdown, potrebbe slittare per dare la precedenza al fronteggiamento dell’emergenza. Il ministro lo ha specificato anche in una intervista all’emittente Bfmtv. c

Tour de France, al vaglio le soluzioni

Al momento anche in Francia tutti gli eventi sportivi e non sono annullati e l’uso degli impianti non è consentito. Difficile dunque allenarsi per sostenere eventuali competizioni che dovessero svolgersi subito dopo la fine della quarantena. Maracineanu, ex argento olimpionico di nuoto, ha sottolineato infatti che non ci sarebbero i tempi tecnici per l’allenamento e si rischierebbero infortuni. In forse quindi lo svolgimento della manifestazione, che al momento non è annullata. Il lockdown francese infatti dovrebbe terminare a fine aprile. Quanto all’ipotesi dello svolgimento a porte chiuse sono forti i dubbi su eventuali problemi organizzativi.

Facci sapere cosa ne pensi. Lascia un commento 🙂
Loading...